Mar. 17.

Raduno Interzonale Dragoon Anzio 28 Febbraio – 1 Marzo

Primo evento 2015 in programma e primo successo, tutte le squadre hanno risposto alla grande all’invito per questo raduno e si sono iscritti quasi 25 ragazzi, ben oltre le nostre aspettative considerando che stiamo parlando di uno stage e non di una regata ufficiale.

Alla fine, oltre ad essere un vero e proprio raduno interzonale (IV e IX zona), è stato soprattutto un raduno interflotte con numerosi equipaggi della 808 (Pescara), 302 (Bracciano), 359 (Ostia) e della recentissima 340 (Anzio).

6
A dirigere tutte le operazioni a terra e in acqua il responsabile nazionale del progetto Dragoon Mauro Di Felicenatonio supportato da Ilario Manzo e Roberto Rogge , tutti e 3 Istruttori Fiv ed esperti Hobiecatter. Lo stage, oltre alle regolazioni a terra ed in acqua, prevedeva anche il carico e lo scarico delle barche dai carrelli e l’armo dell’albero e della timoneria, tutto questo per far capire da subito ai giovani come si affrontano le trasferte quando si va a regatare.

IMG_7587

Anche il meteo ci ha aiutato, il sole non è mancato sia sabato che domenica e nemmeno il vento, leggero, ma perfetto per questo tipo di eventi.

IMG_7634

Al raduno si poteva partecipare sia con la barca propria che con una barca messa a disposizione, con dei turni d’uso, dall’allenatore capo Mauro e alla fine sulla spiaggia erano presenti ben 9 Dragoon armati di tutto punto da regata e con lo spi, quindi è stato molto semplice alternare i ragazzi per le prove in acqua. E’ stata anche una sorta di prova generale per il regolare  svolgimento della prima regata nazionale ad Anzio il 13/14 Marzo e complessivamente per tutta la Dragoon Cup 2015.

 

Ott. 23.

Intervista ai neo Campioni Nazionali Hobie Dragoon 2014 – SVAGAMENTE

Eccovi una seconda intervista ai giovani, in questo caso giovanissimi, regatanti della nostra classe,  e vincitori della Dragoon Cup 2014.

Ciao Luca ci parli di te?

Luca: Mi chiamo Luca Di Nisio, ho tredici anni, vivo a Pescara e da quando ne avevo sette vado in barca a vela. Ho cominciato a praticare questo sport nell’ estate del 2007, facendo un corso estivo, insieme a mio fratello e a dei nostri amici. All’ inizio l’idea non mi piacque affatto, infatti iniziai solo per volere dei miei genitori, ma col tempo mi appassionai e capii che questo è lo sport per me. Iniziai a fare regate all’ età di nove anni con l’“Open’ Bic” una barca singola per bambini dai dieci ai quattordici anni. Mi sono divertito molto a quei tempi, ho fatto regate dal lago di Garda fino qui a Pescara. Penso che siano stati degli anni fondamentali, che mi abbiano insegnato tantissime cose sulla vela. Però dall’ estate dello scorso anno iniziai ad andare sui catamarani, e più in particolare sull’ Hobie Dragoon; una barca molto più emozionante dell’ Open’ Bic, visto che possiede un maggior numero di regolazioni e superficie velica, ed è più adatta per chi va cercando più stimoli da questo sport. Penso che sia una barca eccezionale, che possa perfettamente avviare i ragazzi in questo mondo, ed è ottima per far capire quali sono le differenze tra catamarani e derive.Da quest’ anno, anche in Italia, si è creato un circuito nazionale di questa classe. Per poter regatare, siccome ancora pochi circoli hanno queste barche si è adottato il sistema cosiddetto “round robin”. Con questa modalità di regata solo quattro o cinque equipaggi si scontrano mentre il resto dei regatanti li guarda da un gommone in acqua. Grazie ad un sistema in cui vengono creati dei “voli”, tutti gli equipaggi si scontreranno tra di loro almeno in un’ occasione. Personalmente penso sia una validissima alternativa alla regata di flotta, perché potendo guardare gli altri, si ha la possibilità di capire cosa fare e cosa non fare avendo già visto gli eventuali errori altrui.Questa barca mi ha fatto capire cosa sono i catamarani e quali sono le differenze con le derive. Tra qualche anno sicuramente farò regate sull’ Hobie Cat 16 catamarano per ragazzi più grandi e ancora non so per quanto ci regaterò. Le barche che mi hanno affascinato di più e con cui spero di andare un giorno sono i formula, catamarani con prestazioni eccezionali. Quindi ancora non so bene cosa mi aspetterà in futuro, ma per adesso penso solo a dare il mio meglio sul Dragoon.

Ciao Dario ci parli di te?
Dario: Salve a tutti, mi chiamo Dario Piersante, ho 15 anni, sono nato e vivo a Pescara. Sono circa 4 anni che pratico questo sport nel circolo Svagamente di Pescara  dove in pochi anni Mauro Di Felice Antonio, il mio allenatore, ha cresciuto la mia passione e mi ha insegnato quello che so fino ad ora, ma ho ancora moltissimo da imparare. La passione per il mare e per gli sport acquatici di mio padre mi ha spinto a praticare questa disciplina sportiva. Per me il Dragoon è stato il primo catamarano su cui ho sperimentato le mie capacita, in più penso che il Dragoon sia il catamarano giusto per i ragazzi che vogliono iniziare a praticare questa disciplina. Per me il round robin ti da la possibilità di studiare il campo, osservare le mosse dell’avversario pensando cosi alla tattica migliore. Inoltre quando si susseguono le regate è anche un modo per recuperare l’energia necessaria per ripartir . Sicuramente l’aspirazione a crescere in questo sport non mi manca, pero preferisco passo dopo passo godere dell’opportunità di partecipare alla prossima regata pensando al presente .

Ciao ragazzi complimenti e in bocca al lupo per il vostro futuro!

Ott. 23.

News dalla Flotta 808 – Pescara – Criterium Autunnale

Domenica 19 ottobre si è svolta a Pescara, presso la base nautica dell’asd Svagamente,  il Criterium Autunnale catamarani organizzato in collaborazione con la flotta HC 808 Pescara. Tre prove disputate con una leggera brezza di 4-5 nodi di direzione nord-est. I 14 cats in acqua, seguiti da vicino e sotto la supervisione dell’istruttore federale Mauro Di Feliceantonio, hanno riempito di colore la spiaggia dannunziana in una domenica insolita per il caldo estivo di questo periodo. Al rientro tutti davanti la lavagna dove il “saggio” bravo istruttore ha commentato gli errori dei youths (e non solo loro…).

Nei Dragoon si sono imposti Rubino L. –Righetti E., Cozzolino M.-Cozzolino P.(padre e figlio, papà Paolo come al solito grintoso) negli HC16 e Cinese P.- Murillo F. negli HC18. Ottima, come sempre, l’organizzazione.

Testo di Sandro Marino, foto di Rossella Scurti

Ago. 28.

Campionato Nazionale Dragoon – rassegna stampa

RASSEGNA STAMPA

Di seguito alcuni link a testate on line che parlano del recentissimo Campionato Nazionale Dragoon.

 

http://www.federvela.it/news/campionati-nazionali-hobie-dragoon-pescara

http://www.assovela.it/news-17199.html

http://www.saily.it/it/news/hobie-dragoon-doppia-finale

http://www.italiavela.it/articolo.asp?idarticolo=vela-campionato-nazionale-hobie-cat-dragoon_20399

http://www.velanet.it/notizie/notizia.php/notizia_13955

http://article.wn.com/view/2014/08/25/Campionati_Nazionali_Hobie_Dragoon_a_Pescara_FIV_Federazione/

http://www.noodls.com/view/30D722A77B9035138A9E36238B12F82821E41F7E

edu gov link buildingbuy 100mg levitra without prescription